Rossella Architetto con un'indole camaleontica

Il mio nome è  Rossella Maria Ardizzone. Architettura, cibo e musica alcuni ingredienti delle mie rinascite.

Ed è la mia indole camaleontica che, nei momenti di transizione della vita, mi permette di trasformarmi e reinventarmi.

A rendere possibili questi cambiamenti, le mie passioni e la mia capacità di buttarmi, anima e corpo, in tutto quello che la vita mi mette davanti.

Sono cresciuta seguendo mia nonna e mia mamma che cucinavano; addormentandomi con il sottofondo di Chopin che faceva compagnia ai miei genitori seduti di fronte al camino; divorando l’intera collana dei libri di avventura, che mi regalava mio nonno paterno, iniziando da “Ventimila leghe sotto i mari”; scrivendo fiumi di sogni da bambina che diventarono lettere d’amore platonico nell’adolescenza e poi racconti, e poesie e…

 

Nel 2015 durante uno di questi momenti di transizione e cambiamenti nasce in me il desiderio di aprire un blog.

Un blog sulla bellezza legata alla rinascita, collegata all’arte, perché avevo capito che le cose erano collegate, perché era il percorso che stavo facendo in quel momento della mia vita e che continuo a fare oggi, perché quel momento della mia vita iniziato nel settembre 2014 ancora non è finito ed era una cosa bella ed era una cosa nuova. Il cibo e la musica ancora compagni di viaggio.

Nel 2015 ancora non si parlava di bellezza ma alcuni eventi mi hanno distratta e, mentre io dovevo occuparmi di una cosa importante “di me stessa”, il mondo iniziava a parlare della “mia bellezza”.

Forse è vero quello che si dice che quando pensi una cosa intensamente le vibrazioni del tuo pensiero si espandono come onde nell’universo.

 

E così siamo arrivati al 2019.

 

Il mio sogno oggi?

Diventare una Blogger per passione.

Perché blogger? Perché  amo scrivere.

Perché per passione? Perché la passione è il motore della mia vita.

 

P.S. Vivo tutto con una passione tale che sono riuscita pure ad appassionarmi a qualcosa a cui non ci si dovrebbe appassionare, ma questa è un’altra storia.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *