Blog post

Pietro Lo cascio si racconta tra scienza e musica

 

Pietro Lo Cascio si racconta tra scienza e musica.

Continuiamo il ciclo di interviste della rubrica “Creativi anonimi” rimanendo in territorio eoliano.

Ho fatto questa scelta perché le Eolie non sono solo significative da un punto di vista paesaggistico e naturalistico, ma nascondono al loro interno anche un patrimonio umano da non sottovalutare.

L’ospite che ci terrà compagnia è Pietro Lo Cascio guida naturalistica e coordinatore delle attività di Nesos nonché membro del consiglio direttivo della Società Siciliana di Scienze naturali e del progetto Internazionale Initiative PIM (Petit Iles de Méditerranée).

Petit Iles de Méditerranée è un progetto francese, che si occupa della biodiversità delle isole, della conservazione e dello sviluppo sostenibile e che ha permesso di ampliare le conoscenze su tante piccole isole mediterranee, inesplorate dal punto di vista scientifico.

Pietro Lo cascio palermitano di nascita con radici eoliane aveva un sogno: andare a vivere alle Eolie e, come sempre accade nella vita, quando abbandoni un sogno lui viene a bussare alla tua porta.

E’ stato così che nel 1999, mentre viveva e lavorava a Firenze al museo di Storia Naturale, viene chiamato, dal Professore Cabianca, a far parte della commissione di naturalisti, costituita in occasione della candidatura delle Eolie a patrimonio dell’umanità,  e si trasferisce a Lipari.

Dopo un anno da quella proposta Pietro, ormai rapito dalla sindrome insulare, decide di rimanere alle Eolie.

Inizia così la sua avventura come guida naturalistica la cui naturale conseguenza è stata la fondazione di Nesos.

Nesos nasce come associazione di guide naturalistiche il cui obiettivo è accompagnare i visitatori attraverso una conoscenza profonda di un territorio, che non è solo sole e mare, ma che nasconde un entroterra da scoprire attraverso antiche  trazzere e sentieri nascosti dalla vegetazione e recuperati.

Nesos nasce non solo dalla forte passione di Pietro per il patrimonio naturalistico, ma anche da una scelta di vita: il ritorno alla terra della “famiglia”, come la definisce lui.

Personaggio eclettico e grande studioso, la curiosità scientifica e l’attrazione per le isole lo hanno portato non solo a studiarle, analizzarle e scoprirle ma anche a scriverne.

Tanti sono i testi usciti dalla sua penna. Per i più curiosi, di seguito , alcuni titoli:

  • Guida Naturalistica alle isole Eolie. Edizioni L’Epos
  • Luoghi e natura di Sicilia I: Le isole Eolie Edizioni Danaus
  • Cose diverse dalle vulcaniche. Le Eolie dell’ottocento esplorate da Mandralisca e altri naturalisti. Edizioni Pungitopo

Ma torniamo a Nesos.

Nesos, in greco antico isole, si occupa non solo dell’attività di accompagnamento ma anche di ricerche entomologiche, di biodiversità spaziando dalle attività culturali a quelle di ricerca e non solo.

Organizza iniziative di formazione aperte a tutti come: l’osservazione degli uccelli, dei vulcani, l’identificazione della flora e della fauna.

Nesos, inoltre, tra le sue attività organizza anche iniziative scientifiche e di divulgazione tra cui il Darwin day, nata nel mondo anglosassone, già arrivata alle Eolie all’ottava edizione.

In questo panorama scopriamo che gli interessi di Pietro non restano circoscritti a tutte queste attività ed iniziative, ma vanno oltre, e mentre, con un coinvolgimento disarmante, ci racconta delle Eolie come destinazione turistica di grande rilevanza per la loro collocazione geografica e per la ricchezza del territorio da un punto di vista naturalistico e paesaggistico, con un velo di disillusione nello sguardo narra anche della speranza disattesa che questo arcipelago, già Patrimonio Unesco, venga riconosciuto come Parco Nazionale.

E chissà che, chi ha gli strumenti per far sì che questo sogno si realizzi, non ascolti questa nostra intervista…magari il ministro dell’ambiente!

Andando avanti nel nostro dialogo Pietro, non solo uomo di scienza ma anche artista, condivide con noi la sua anima da musicista e ci racconta di come la musica, in particolare la chitarra, siano entrate nella sua vita.

Anche questa volta con “Creativi anonimi” vi regalo la storia di un personaggio il cui motore trainante nella vita sono state le passioni.

Del resto il “fil rouge” della rubrica “Creativi anonimi” è proprio questo e, ascoltando la storia di Pietro, ci rendiamo conto di quanto nella vita per realizzare i propri sogni siano anche importanti le coincidenze , gli incontri e, come dice lui, un pizzico di fortuna. Senza dimenticare che bisogna anche saper interpretare e leggere i segnali che ci arrivano per concretizzare le nostre passioni.

Ci salutiamo parlando di  fede e  bellezza e  Pietro, con una citazione di Bruce Chatwin, ci regala degli interessanti spunti di riflessione.

Invito tutti a venire alle Eolie per scoprirle attraverso lo sguardo di chi le conosce, le studia e soprattutto le ama e, una volta in compagnia di Pietro, cogliete l’occasione per farvi raccontare le emozioni vissute durante il suo recente viaggio nel Golfo di Guinea!

Nesos ha la sua sede a Lipari in Via Vittorio Emanuele 24.

 

By Rossella Ardizzone

Architetto con la passione per il cibo e la musica, ogni tanto mi diletto a lasciar cadere un po’ di inchiostro su un foglio bianco e qualche colore su una tela.
Il mio sogno oggi?
Diventare una Blogger per passione.
Perché blogger? Perché amo scrivere.
Perché per passione? Perché la passione è il motore della mia vita.

Previous Post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *