Blog post

Semi di sesamo e sale…ecco il Gomasio

Vi svelo un segreto, esiste un condimento alternativo non solo per le insalate, ma anche per la minestra di verdure o per un piatto di legumi; a questi ultimi infatti possiamo sostituire il parmigiano con un preparato a base di semi di sesamo e sale…ecco il Gomasio.

Il gomasio altro non è che un condimento saporito e semplice a base di soli due ingredienti: semi di sesamo e sale marino integrale.

Il gomasio è uno dei principali alimenti utilizzati nella cucina macrobiotica.

Un cucchiaino di gomasio accompagnato da una tazza di tè verde: ottima merenda e tanta energia.

Infatti il gomasio è ricco di sostanze nutritive e sali minerali

Ingredienti:

Semi di sesamo gr. 100

Sale marino integrale dai 7 ai 10 grammi

Preparazione:

Lavare il sesamo passarlo al colino per eliminare tutta l’acqua.

Versare il sesamo in una padella antiaderente, possibilmente dal doppio fondo. A fuoco medio far tostare i semi sino a quando non si sprigiona il tipico profumo del sesamo.

Per capire se i semi sono tostati al punto giusto fare la prova del cucchiaio: prendere i semi, con un cucchiaio di acciaio da minestra, e lasciarli scivolare. Il sesamo sarà pronto quando nessun seme rimarrà attaccato al cucchiaio.

A questo punto potete spegnere il fuoco, creare uno spazio nella padella spostando i semi di sesamo e mettervi il sale che, con il calore della padella, si asciugherà.

Usate un leccapentole per miscelare insieme semi di sesamo e sale, versate il tutto in una terrina per far intiepidire.

suribachi e surikogiA questo punto versate una parte del preparato nel suribachi e con il surikogi e iniziate a macinare. Nel video vedrete che la mia indicazione è di macinare in senso antiorario ecco su questa modalità ci sono diverse scuole.

La mia amica Marina ieri al telefono mi raccontava che il maestro Tamio Yagisawa (persona che, grazie a lei, ho avuto modo di conoscere e che stimo tantissimo) suggerisce di posizionare il suribachi sulle gambe adagiandolo verso il ventre e di macinare il preparato in senso orario.

Così facendo si entra in una modalità quasi meditativa.

Dopo aver macinato tutto il preparato,  mi raccomando la macinatura deve essere grossolana non deve diventare una poltiglia, non ci resta che versarlo in un unico contenitore amalgamarlo bene e conservarlo in un barattolo di vetro.

Preparare un quantitativo che consumerete in 5/6 giorni, questi sono i tempi di conservazione

Semi di sesamo e sale…ecco il Gomasio è servito!

Come servire:

Semi di sesamo e sale…ecco il Gomasio un condimento che  può rendere più gustose le vostre insalate, ma anche più sana la vostra alimentazione.

Infatti una spolverata di gomasio sulla minestra di verdure, nel caso in cui non possiate mangiare il parmigiano, renderà saporita e gustosa anche la più insipida delle minestre.

Io lo uso anche nella minestre di lenticchie. Ottimo condimento per la pasta con le zucchine: provare per credere.

Sfruttatelo per condire i vostri piatti a base di cereali perché il gomasio  ne esalta il gusto.

Curiosità.

Per quanto riguarda le proporzioni tra semi di sesamo e sale ci sono diverse scuole. Ohsawa ci racconta nei suoi libri la proporzione 3/4 di semi di sesamo ed 1/4 di sale.

Sperimenterete da voi che, mangiando il gomasio, non svilupperete il senso della sete e questo accade perché l’olio di sesamo del gomasio ricopre il sale impedendo proprio lo svilupparsi della sete.

Il suribachi è il tipico mortaio giapponese in ceramica e il surikogi il suo pestello in legno.

Il suribachi ha la particolarità di avere al suo interno delle zigrinature che agevolano la macinatura dei semi.

Bon appétit!

By Rossella Ardizzone

Architetto con la passione per il cibo e la musica, ogni tanto mi diletto a lasciar cadere un po’ di inchiostro su un foglio bianco e qualche colore su una tela.
Il mio sogno oggi?
Diventare una Blogger per passione.
Perché blogger? Perché amo scrivere.
Perché per passione? Perché la passione è il motore della mia vita.

Previous Post

Next Post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *