Blog post

Caprera Healingwings non si può raccontare

 

Una valigia, un cappello, il mare

Al rientro da un viaggio vieni sempre assalito dalle richieste del racconto, ma ci sono viaggi che non si possono raccontare e Caprera healingwings non si può raccontare.

Una malattia,  tante storie, 15 donne, 4 psicologhe, un progetto

Donne salpate conoscendo solo la destinazione, senza sapere nulla di quello che le aspettava.

Compagne di viaggio tante incognite, timori forse anche un pò di paura ma, quando attracchi all’isola che non c’è, ti senti improvvisamente leggera. Con te soltanto una valigia, un cappello ed il mare davanti ai tuoi occhi.

L’accoglienza, il battesimo del mare, la sorpresa di un luogo selvaggio ed incontaminato ma, al tempo stesso, perfettamente organizzato. I ritmi scanditi alla perfezione ‘dall’ alzabandiera’ al ‘silenzio’, e noi in compagnia di 3 donne che, con estrema delicatezza e costante presenza, ci hanno guidate per non farci perdere la rotta.

Mi ritrovo ad osservarvi.

 Tutte diverse per età, caratteristiche fisiche. Ognuna con la sua storia scritta negli sguardi, incisa nelle espressioni del viso.

Storia che sgorga inaspettatamente in fiumi di parole e qualche lacrima durante quell’ incontro, tanto atteso e tanto desiderato, che è solo nostro.

Caprera Healingwings ci ha catapultate dal mare del dolore al mare dell’oblio attraverso la catarsi della condivisione.

lanciate di bolina stretta verso l'orizzonte

 Navigando nel mare cristallino della Sardegna non lascavamo solo le vele ma, ogni giorno che salivamo in barca, ad essere lascati erano i ricordi, le cicatrici, le preoccupazioni, le paure, i legami distruttivi, le insicurezze.

In quelle barche solo noi, navigatrici coraggiose lanciate di bolina stretta verso l’orizzonte senza più  pensare a quell’ improbabile domani!

Un viaggio iniziato da porti di partenza diversi con una stessa meta, il cui ritorno ci vede partire dallo stesso porto ma con rotte di navigazione diverse. Unite da un nuovo spirito, ed una incredibile energia.

Con una valigia, un cappello ed il mare inciso nei nostri occhi, un intreccio di legami esistenti che si sono fortificati e legami nuovi che saranno indissolubili nati da parole non dette, da sorrisi, da sguardi, da confidenze, da abbracci.

https://centrovelicocaprera.it/we-will-care-sostieni-lequipaggio/

By Rossella Ardizzone

Architetto con la passione per il cibo e la musica, ogni tanto mi diletto a lasciar cadere un po’ di inchiostro su un foglio bianco e qualche colore su una tela.
Il mio sogno oggi?
Diventare una Blogger per passione.
Perché blogger? Perché amo scrivere.
Perché per passione? Perché la passione è il motore della mia vita.

Previous Post

Next Post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *